Circolare Inps numero 41 del 16 marzo 2009

Circolare Inps numero 41 del 16 marzo 2009

Estensione del diritto al congedo di cui all’ art. 42, comma 5, D.Lgs. 151/2001 al figlio convivente con la persona in situazione di disabilità grave

Direzione Centrale
Prestazioni a Sostegno del Reddito
Direzione Centrale
Sistemi Informativi e Tecnologici
     
  Ai Dirigenti centrali e periferici
Roma, 16 marzo 2009 Ai Direttori delle Agenzie
  Ai Coordinatori generali, centrali e
    periferici dei Rami professionali
  Al Coordinatore generale Medico legale e
    Dirigenti Medici
     
Circolare n. 41   e, per conoscenza,
     
  Al Commissario Straordinario
  Al Presidente e ai Componenti del Consiglio di Indirizzo e Vigilanza
  Al Presidente e ai Componenti del Collegio dei Sindaci
  Al Magistrato della Corte dei Conti delegato all’esercizio del controllo
  Ai Presidenti dei Comitati amministratori di fondi, gestioni e casse
  Al Presidente della Commissione centrale per l’accertamento e la riscossione dei contributi agricoli unificati
  Ai Presidenti dei Comitati regionali
  Ai Presidenti dei Comitati provinciali

 

 OGGETTO: Estensione del diritto al congedo di cui all’ art. 42, comma 5, D.Lgs. 151/2001 al figlio convivente con la persona in situazione di disabilità grave.

 

SOMMARIO: La Corte Costituzionale ha dichiarato l’illegittimità dell’art. 42, comma 5, del D.L.gs 151/2001 nella parte in cui non prevede per il figlio convivente con la persona in situazione di disabilità grave, il diritto a fruire del congedo indicato in assenza di altri soggetti idonei a prendersene cura.

 

La Corte Costituzionale, con sentenza n. 19 del 26 gennaio 2009, ha dichiarato l’illegittimità costituzionale dell’art. 42, comma 5, del D.L.gs 26 marzo 2001, n. 151 (Testo Unico delle disposizioni legislative in materia di tutela e sostegno della maternità e della paternità) nella parte in cui non include, nel novero dei soggetti legittimati a fruire del congedo ivi previsto, il figlio convivente, in assenza di altri soggetti idonei a prendersi cura della persona in situazione di disabilità grave.

 

Secondo il dispositivo della sentenza, pertanto, il congedo di cui trattasi può essere riconosciuto al figlio convivente del portatore di handicap grave, qualora non vi siano altri soggetti idonei a prendersene cura.

 

Ai fini dell’erogazione dell’indennità connessa alla fruizione del congedo di cui trattasi, si forniscono le indicazioni che seguono.

 

SOGGETTI AVENTI DIRITTO

 

Alla luce della sentenza in oggetto, hanno titolo a fruire del congedo in argomento i lavoratori dipendenti secondo il seguente ordine di priorità:

 

a) coniuge della persona gravemente disabile qualora convivente con la stessa;

 

b) genitori, naturali o adottivi e affidatari, del portatore di handicap grave nel caso in cui si verifichi una delle seguenti condizioni:

 

· il figlio non sia coniugato o non conviva con il coniuge;

· il coniuge del figlio non presti attività lavorativa o sia lavoratore autonomo;

· il coniuge del figlio abbia espressamente rinunciato a godere per lo stesso

soggetto e nei medesimi periodi del congedo in esame;

 

c) fratelli o sorelle – alternativamente - conviventi con il soggetto portatore di handicap grave, in caso si verifichino le seguenti due condizioni:

 

1) ­il fratello portatore di handicap grave non sia coniugato o non conviva col coniuge, oppure, laddove sia coniugato e convivente col coniuge, ricorra una delle seguenti situazioni:

· il coniuge non presti attività lavorativa o sia lavoratore autonomo;

· il coniuge abbia espressamente rinunciato a godere per lo stesso soggetto e nei medesimi periodi del congedo in esame;

 

2) entrambi i genitori siano deceduti o totalmente inabili;

 

c) figlio convivente con la persona in situazione di disabilità grave, in caso si verifichino le seguenti quattro condizioni:

 

1) il genitore portatore di handicap grave non sia coniugato o non conviva col coniuge, oppure, laddove sia coniugato e convivente col coniuge, ricorra una delle seguenti situazioni:

· il coniuge non presti attività lavorativa o sia lavoratore autonomo,

· il coniuge abbia espressamente rinunciato a godere per lo stesso soggetto e nei medesimi periodi del congedo in esame;

 

2) entrambi i genitori del portatore di handicap siano deceduti o totalmente inabili;

 

3) il genitore portatore di disabilità grave non abbia altri figli o non conviva con alcuno di essi, oppure laddove abbia altri figli conviventi, ricorra una delle seguenti situazioni:

· tali figli (diversi dal richiedente il congedo) non prestino attività lavorativa o siano lavoratori autonomi;

· I figli conviventi (diversi dal richiedente il congedo) abbiano espressamente rinunciato a godere del congedo in esame per il suddetto genitore nel medesimo periodo;

 

4) il portatore di disabilitàgrave non abbia fratelli o non conviva con alcuno di essi, oppure, laddove abbia un fratello convivente, ricorra una delle seguenti situazioni:

· il fratello convivente non presti attività lavorativa o sia lavoratore autonomo;

· il fratello convivente abbia espressamente rinunciato a godere per lo stesso soggetto e nei medesimi periodi del congedo in esame.

 

MODULISTICA

 

Sono in corso di aggiornamento su “modulistica on line” i modelli di domanda che terranno conto delle innovazioni introdotte dalla sentenza della Corte Costituzionale n. 19/2009.

 

AMBITO DI APPLICAZIONE

 

Le sedi potranno riesaminare le richieste già pervenute relativamente ai rapporti non esauriti, intendendosi come tali quelle situazioni giuridiche per le quali non sia intervenuta sentenza passata in giudicato o prescrizione del diritto. L’indennità si prescrive nel termine di un anno (art. 2963 C.C.) decorrente dal giorno successivo alla fine del periodo indennizzabile a titolo di congedo.

 

 


Il Direttore generale

Crecco